Trasferirsi a Londra

AIRE: che cos’è e come iscriversi

AIRE: che cos'è e come iscriversi

L’A.I.R.E. è l’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero, ed è un registro istituito con lo scopo di raccogliere e conservare i dati dei cittadini Italiani che vivono all’estero per un periodo di tempo superiore ad un anno.

L’iscrizione all’A.I.R.E. rientra tra i diritti-doveri del cittadino, ed è fondamentale per poter usufruire di una serie di importanti servizi forniti dai Consolati all’estero.

All’AIRE. devono iscriversi:

  1. I cittadini Italiani che trasferiscono la propria residenza all’estero per periodi superiori ai 12 mesi;
  2. Le persone che già risiedono fuori dall’Italia, sia perché nati all’estero e sia per successiva acquisizione della cittadinanza Italiana.

 

 

I PRO dell’iscrizione all’A.I.R.E.

  1. I cittadini residenti all’estero ed iscritti a tale anagrafe possono esercitare il diritto di voto per tutte le consultazioni elettorali e referendarie tenute in Italia;
  2. Il rilascio garantito di alcuni certificati essenziali:
    – Certificato di cittadinanza (con riferimento alla data di iscrizione all’AIRE);
    – Certificato di stato libero;
    – Certificato di residenza;
    – Certificato di stato di famiglia;
    – Carta d’Identità;
    – Godimento dei diritti politici;
  3. Possibilità di rinnovare il passaporto presso la sede consolare nel Paese estero;
  4. Effettuare la dichiarazione dei redditi nel paese di residenza (e non più in Italia);

 

 

I CONTRO dell’iscrizione all’A.I.R.E.

  1. Limitazioni nell’assistenza sanitaria in Italia:
    Iscrivendosi all’A.I.R.E. si perde il diritto al medico di base in Italia, all’assistenza ospedaliera tramite mutua e all’acquisto dei medicinali dietro pagamento del solo ticket.
    L’assistenza sanitaria urgente (cioè quella che passa per il pronto soccorso e per un periodo non superiore ai 90 giorni, anche non consecutivi) è l’unico servizio che non cessa.

    Si mantiene tuttavia ancora la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), con la quale ogni cittadino che si trova in un Paese europeo diverso dal proprio, per motivi di lavoro, studio o vacanza, può ricevere cure sanitarie adeguate senza essere costretto a dover tornare in patria.
  2. Obblighi sulla propria autovettura immatricolata in Italia:
    – Dopo 6 mesi di residenza all’estero è obbligatoria l’immatricolazione dell’auto Italiana nel Paese di residenza, con conseguente polizza RC Auto.
    – Se scade la patente, bisogna rinnovarla nel Paese di residenza.

 

 

Come iscriversi all’A.I.R.E.

L’iscrizione all’AIRE. avviene in seguito alla dichiarazione resa dal cittadino interessato all’ufficio consolare competente, entro e non oltre i 90 giorni dal trasferimento della residenza, e comporta la cancellazione dall’Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) del Comune di provenienza.
Al modulo di richiesta, reperibile negli uffici consolari, va allegata la documentazione che provi l’effettiva residenza all’estero (es. Contratto di lavoro, bollette di utenze residenziali).
Qualora non sia presentata di persona va allegata necessariamente anche una copia di un documento di identità.
L’iscrizione può essere fatta anche compilando il form on-line al seguente link.
La procedura d’iscrizione è totalmente GRATUITA.

L’aggiornamento dell’A.I.R.E. è a discrezione del cittadino.

L’interessato deve comunicare all’ufficio consolare i seguenti dati:

  • Il trasferimento della propria residenza o abitazione;
  • Le modifiche dello stato civile (matrimonio, nascita, divorzio, morte, etc…);
  • Il rientro definitivo in Italia;
  • La perdita della cittadinanza Italiana.

 

 

Cancellazione dall’A.I.R.E.

Si viene cancellati dal registro:

  • Se viene effettuata nuovamente un’iscrizione all’Anagrafe della Popolazione Residente (A.P.R.) di un Comune italiano;
  • In caso di morte;
  • Per irreperibilità presunta, trascorsi 100 anni dalla nascita o dopo l’effettuazione di due successive rilevazioni, o quando l’indirizzo di residenza fornito non risulti più valido ed è impossibile acquisirne uno nuovo;
  • Per perdita della cittadinanza Italiana.

 

Ulteriori link utili per l’approfondimento:

Sito ufficiale della Farnesina

Sito ufficiale del Consolato d’Italia a Londra

Lascia un commento